Crea sito

 

Liriche da "lo Hobbit"TORNA ALL'HOMEPAGE

 

 

Roads go ever ever on

Roads go ever ever on,
Over rock and under tree,
By caves where never sun has shone,
By streams that never find the sea;

Over snow by winter sown,
And through the merry flowers of June,
Over grass and over stone,
And under mountains in the moon.

Roads go ever ever on
Under cloud and under star,
Yet feet that wandering have gone
Turn at last to home afar.

Eyes that fire and sword have seen
And horror in the halls of stone
Look at last on meadows green
And trees and hills they long have known.


Sempre le strade vanno avanti

Sempre, sempre le strade vanno avanti
su rocce o sotto piante, a costeggiare
antri che di ogni luce son mancanti,
lungo ruscelli che non vanno al mare,

sopra la neve che d'inverno cade,
in mezzo ai fior felici dell'estate,
sopra la pietra e prati di rugiade,
sotto montagne di luna inondate.

Sempre, sempre le strade vanno avanti
sotto le nubi e la volta stellata,
ma i piedi incerti, nel cammin erranti,
volgono infine alla dimora amata.

Gli occhi che han visto spade e fiamme ardenti
ed in sale di pietra orrori ignoti,
guardano infine i pascoli ridenti
e gli alberi ed i colli tanto noti!
 




Old fat spider spinning in a tree!

Old fat spider
spinning in a tree!
Old fat spider
can't see me!
Attercop! Attercop!
Won't you stop,
Stop your spinning
and look at me!


Old Tomnoddy, all big body,
Old Tomnoddy can't spy me!
Attercop! Attercop!
Down you drop!
You'll never catch me up your tree!


Vecchio ragno grasso e tondo!


Vecchio ragno grasso e tondo,
che sull'albero provvedi
fili a tesser, mi nascondo
e cosi tu non mi vedi!
Sputaveleno! Sputaveleno!
Al lavoro metti freno
e non tessere perchè
mai potrai prendere me.


Vecchio grasso rimbambito,
vecchio sciocco corpacciuto,
il tuo scopo e gia fallito
perchè ancor non m'hai veduto.
Sputaveleno! Sputaveleno!
Salta giu qui sul terreno!
Se sull'albero starai
prender me tu non potrai !

 


The wind was on the withered heath

The wind was on the withered heath,
but in the forest stirred no leaf:
there shadows lay by night and day,
and dark things silent crept beneath.


The wind came down from mountains cold,
and like a tide it roared and rolled;
the branches groaned, the forest moaned,
and leaves were laid upon the mould.

The wind went on from West to East;
all movement in the forest ceased,
but shrill and harsh across the marsh
its whistling voices were released.

The grasses hissed, their tassles bent,
the reeds were rattling -- on it went
o'er shaken pool under the heavens cool
where racing clouds were torn and rent.

It passed the lonely Mountain bare
and swept above the dragon's lair:
there black and dark lay boulders stark
and flying smoke was in the air.

It left the world and took its flight
over the wide seas of the night,
The moon set sail upon the gale,
and stars were fanned to leaping light.


 Spazzava il vento l'arida brughiera

Spazzava il vento l'arida brughiera,
ma non di foglie un fremito nel bosco:
notte e giorno la luce mai non v'era,
case oscure movean per l'aere fosco.


Dai monti il vento gelido scendeva
qual mar di onde in tempestosa guerra,
dei rami al crepitar tutto gemeva
e solo foglie ricoprian la terra.

Infurio il vento da occidente a oriente,
nel bosco allor cesso segno di vita:
sulla palude, ululo fremente,
la sua stridula voce s'era udita.

Cadean, fra 1'erbe sibilanti, steli;
le canne si agitavano col vento
che sugli stagni, sotto freddi cieli,
mise nubi veloci in sfacimento.

Passò sulla Montagna solitaria
e turbinò del drago nella tana,
mentre un fumo levavasi nell'aria
là dove l'aspra roccia era sovrana.

Dalla tana fuggì nell'aura bruna
verso il mare sull'acque sconfinate.
Tese vele alla raffica la luna
e il vento rese le stelle più argentate.


 



Fifteen birds in five firtrees.
Fifteen birds in five firtrees,
their feathers were fanned in a fiery breeze!
But, funny little birds, they had no wings!
O what shall we do with the funny little things?
Roast 'em alive, or stew them in a pot;
fry them, boil them and eat them hot?
Burn, burn tree and fern! Shrivel and scorch!
A fizzling torch To light the night for our delight,
Ya hey!

Bake and toast 'em, fry and roast 'em!
till beards blaze, and eyes glaze;
till hair smells and skins crack,
fat melts, and bones black
in cinders lie beneath the sky!
So dwarves shall die,
and light the night for our delight,
Ya hey!
Ya-harri-hey!
Ya hoy!



Già quindici uccelli su abeti posati.


Già quindici uccelli su abeti posati,
dal vento infocato son stati spennati!
Mancavan le ali a quegli uccellini!
Che cosa facciamo di questi cosini?
Mangiarli arrostiti, passati al tegame,
bolliti, conditi o stufati? Che fame!
Incendia felci, incendia piante!
Fanne una torcia ben sfolgorante
che renda il cuor della notte festante,
Ya hey!
Cuocili e tostali da bravo cuoco
finché le barbe prendano fuoco;
gli occhi son vitrei, la pelle rotta,
la chioma puzza, com'e ridotta!
II grasso e sciolto, scorre a dovere,
persino I'ossa diventan nere,
dalla padella van nella brace
e nella cenere giacciono in pace!
Cosi morendo ogni nanetto
da luce a notte e a noi diletto.
Ya hey!
Ya-harri-hey!
Ya hoy!




 




The riddles of Bilbo and Gollum. Gli Indovinelli di Bilbo e Gollum.

The riddles exchanged between Bilbo and Gollum.

[Gollum:]
What has roots as nobody sees,
Is taller than trees,
Up, up it goes,
And yet never grows? [a mountain]

[Bilbo:]
Thirty white horses on a red hill,
First they champ,
Then they stamp,
Then they stand still. [teeth]

[Gollum:]
Voiceless it cries,
Wingless flutters,
Toothless bites,
Mouthless mutters. [wind]

[Bilbo:]
An eye in a blue face
Saw an eye in a green face.
"That eye is like to this eye"
Said the first eye,
"But in low place,
Not in high place." [the sun]

[Gollum:]
It cannot be seen, cannot be felt,
Cannot be heard, cannot be smelt.
It lies behind stars and under hills,
TORNA ALL'HOMEPAGE
And empty holes it fills.
It comes first and follows after,
Ends life, kills laughter. [dark]

[Bilbo:]
A box without hinges, key, or lid,
Yet golden treasure inside is hid. [an egg]

[Gollum:]
Alive without breath,
As cold as death;
Never thirsty, ever drinking,
All in mail never clinking. [fish]

[Bilbo:]
No-legs lay on one-leg,
two-legs sat near on three-legs,
four-legs got some. [fish on a table,man on a stool,cat gets the scraps]

[Gollum:]
This thing all things devours:
Birds, beasts, trees, flowers;
Gnaws iron, bites steel;
Grinds hard stones to meal;
Slays king, ruins town,
And beats high mountain down. [time]




La gara di indovinelli tra Bilbo e Gollum.

[Gollum:]
Radici invisibili ha,
più in alto degli alberi sta,
lassù fra le nuvole va
e mai tuttavia crescerà. [la montagna]

[Bilbo:]
Trenta bianchi destrier
su un colle rosso
battono e mordono,
ma nessun si è mosso. [I denti]

[Gollum:]
Non ha voce e grida fa,
non ha ali e a volo va,
non ha denti e morsi dà
non ha bocca e versi fa. [il vento]

[Bilbo:]
Un giorno un occhio in un azzurro viso
vide un altr'occhio dentro un verde viso:
« Quell'occhio è come me »
disse il primo occhio
« però è laggiù,
mentre il mio occhi se ne sta quassù ». [Il sole sulle margherite]

[Gollum:]
Vedere non si può e neanche sentire
fiutare non si può e neppure udire.
Sta sotto i colli, sta dietro le stelle,
ed empie tutti i vuoti, tutte le celle.
Per primo viene, ultimo va,
a vita e a riso termine dà. [il buio]

[Bilbo:]
Senza coperchio, chiave, né cerniera
uno scrigno cela una dorata sfera. [le uova]

[Gollum:]
Vive senza respirare,
freddo come morte pare,
beve ma non è assetato,
non tintinna corazzato. [il pesce]

[Bilbo:]
Senza-gambe sta su Una-gamba,
Due-gambe vi siede accanto su Tre-gambe,
Quattro-gambe ne prende un po'
[Un pesce su un tavolinetto, un uomo a tavola seduto su uno sgabello, il gatto mangia le lische]

[Gollum:]
Questa cosa ogni cosa divora,
ciò che ha vita, la fauna, la flora;
i re abbatte e così le città,
rode il ferro, la calce già dura;
e dei monti pianure farà. [il tempo]


 




Far over the misty mountains cold plates!

Far over the misty mountains cold
To dungeons deep and caverns old
We must away ere break of day
To seek the pale enchanted gold.


The dwarves of yore made mightly spells,
While hammers fell like ringing bells
In places deep, where dark things sleep,
In hollow halls beneath the fells.

For ancient king and elvish lord
There many a gleaming golden hoard
They shaped and wrought, and light they caught
To hide in gems on hilt of sward.

On silver necklaces they strung
The flowering stars, on crowns they hung
The dragon-fire, in twisted wire
They meshed the light of moon and sun.

Far over the misty mountains cold
To dungeouns deep and caverns old
We must away, ere break of day,
To claim our long-forgotten gold.

Goblets they carved there for themselves
And harps of gold; where no man delves
There lay they long, and many a song
Was sung unheard by men or elves.

The pines were roaring on the height,
The winds were moaning in the night,
The fire was red, it flaming spread;
The trees like torches blazed with light.

The bells were ringing in the dale
And men looked up with faces pale;
The dragon's ire more fierce than fire
Laid low their towers and houses frail.

The mountain smoked beneath the moon;
The dwarves, they heard the tramp of doom.
They fled their hall to dying fall
Beneath his feet, beneath the moon.

Far over the misty mountains grim
To dungeons deep and caverns dim
We must away, ere break of day,
To win our harps and gold from him!

Far over the misty mountains cold
To dungeons deep and caverns old
We must away, ere break of day,
To find our long-forgotten gold.



Lontan sui monti fumidi e gelati


Lontan sui monti fumidi e gelati
in antri fondi, oscuri, desolati,
prima che sorga il sol dobbiamo andare
i pallidi a cercar ori incantati.


Faceano i nani un dì magiche gesta,
battendo mazze qual campane a festa
dove dorme laggiù tetro un mistero
negli antri sotto la rocciosa cresta.

Per prenci antichi, degli elfi signori,
gli accumulati e balenanti ori
lavoravano ad arte, il dì ghermendo
per dare a gemme d'elsa altri splendori.

Trapuntavan di stelle le collane
i serti con baglior di drago immane,
poscia in ritorto fil di sole e luna
intessevan le luci in filigrane.

Lontan sui monti fumidi e gelati
in antri fondi, oscuri, desolati,
prima che sorga il sol dobbiamo andare
per esigere i nostri ori obliati.

Calici ed arpe cesellavan d'oro
e dove gli uomini non scavan, loro
vissero a lungo, ma dei lieti canti
né uom né elfo sentì mai il coro.

I pini sulle alture eran ruggenti,
alti gemevan nella notte i venti.
Rosso era il fuoco e distruggeva tutto,
gli alberi come torce eran splendenti.

Le campane s'udian per la vallata
e la faccia di ognun era sbiancata;
del fuoco più crudel, l'ira del drago
distrusse torri e case all'impazzata

Fumava il monte nel chiaror lunare;
i nani udir la morte ecco avanzare.
La casa abbandonarono, morendo
di sotto il drago nel chiaror lunare.

Lontan sui monti fumidi e gelati
in antri fondi, oscuri, desolati,
prima che sorga il sol dobbiamo andare
a riaver l'arpe e l'oro a noi strappati.


 




Chip the glasses and crack the plates! 

Chip the glasses and crack the plates!
Blunt the knives and bend the forks!
That's what Bilbo Baggins hates--
Smash the bottles and burn the corks!


Cut the cloth and tread on the fat!
Pour the milk on the pantry floor!
Leave the bones on the bedroom mat!
Splash the wine on every door!

Dump the crocks in a boiling bowl;
Pound them up with a thumping pole;
And when you've finished, if any are whole,
Send them down the hall to roll!

That's what Bilbo Baggins hates!
So carefully! carefully with the plates!
 

Scheggia le coppe, sbriciola i piatti!


Scheggia le coppe, sbriciola i piatti!
Lame e forchette torci non poco!
Ciò Bilbo Baggins odia da matti -
Spacca Bottiglie, dà i tappi al fuoco!


Strappa tovaglie, sul grasso salta!
Riversa il latte nel ripostiglio!
A piè del letto tutto ribalta!
L'uscio di vino spruzza vermiglio!

Versa stoviglie, ché l'acqua scotta,
Col gran pestello tritale bene;
E se qualcuna resta non rotta
Buttarla in terra tosto conviene!

Ciò Bilbo Baggins odia da matti!
Attento dunque tu con quei piatti!


 

cfr tolkien

 

TORNA ALL'HOMEPAGE